Il lipoma: come affrontarlo

05-07-2014
Il lipoma: come affrontarlo

Talvolta oltre che il tessuto adiposo può coinvolgere il tessuto connettivo fibroso (fibrolipoma), quello muscolare (fibromiolipoma) o vascolare (angiolipoma o angiomiolipoma).

Il lipoma può svilupparsi in qualsiasi parte del corpo localizzandosi nel tessuto adiposo sottocutaneo o viscerale. Le aree maggiormente interessate sono il collo, le cosce, i glutei, le braccia e il dorso. Può essere solitario, cioè circoscritto in una determinata area, o multiplo, cioè interessare diverse regioni anatomiche del corpo. Non esistono fattori di rischio documentati, infatti non vi sono limiti di età o prevalenze maggiori in un sesso piuttosto che nell’altro.

Il lipoma si sviluppa solitamente sotto forma di piccole cisti sottocutanee visibili e/o palpabili. Esse si presentano di consistenza soffice, come piccoli accumuli di grasso; la loro dimensione varia da un minimo di pochi centimetri fino a raggiungere i 5 kg di peso in casi davvero eccezionali. 

Per stabilire con certezza la presenza di queste masse tumorali benigne è opportuno effettuare in primo luogo un’indagine ecografica e successivamente una visita specialistica chirurgica che possono essere prenotate in ambito ospedaliero, in centri polispecialistici o in cliniche private. L’ecografia, poco costosa e poco invasiva, è la più usata nello studio dei lipomi: consente una diagnosi concreta misurando le dimensioni del lipoma, la sua esatta collocazione e stabilisce se si tratta di forme tumorali benigne o maligne. A discrezione medica può essere richiesta un’ulteriore esame diagnostico come la risonanza magnetica per quei lipomi difficili, posizionati in zone critiche e a stretto contatto con strutture nobili come i nervi, i vasi e i muscoli; la risonanza serve a inquadrare meglio la neoformazione e capire i rapporti della stessa con le strutture anatomiche circostanti. 

I lipomi asintomatici che non creano fastidi vanno solamente controllati periodicamente mediante la visita specialistica e l’ecografia.

Se il lipoma crea dei dolori o fastidi che possono alterare o compromettere le comuni attività quotidiane l’indicazione terapeutica principale è l’asportazione chirurgica. Essa consiste nella rimozione della lesione benigna, eseguita solitamente in anestesia locale e in regime ambulatoriale. Lipomi di grandi dimensioni o situati a livello del dorso o di difficile asportazione possono necessitare di un’anestesia locale con sedazione se non un’anestesia generale in regime di day surgery o ricovero. La neoformazione asportata va sempre inviata al servizio di anatomia patologica per l’esame istologico microscopico. 

Testo completo su Medicitalia

DOTTORE MEDICO CHIRURGO
EZIO NICOLA GANGEMI

Specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica

info@eziogangemi.it

Pec ezionicola.gangemi@to.omceo.it


P.Iva 09604150012

OASI MEDICA.
VISITE e PRESTAZIONI AMBULATORIALI
EXAMINA.
VISITE e PRESTAZIONI AMBULATORIALI
  • TORINO
    Corso Massimo d'Azeglio 30
  • RIVOLI (Torino):
    via Pavia 11/b
SALETTA CHIRURGICA per interventi ambulatoriali
  • BORGARETTO (Torino)
    Viale Giovanni XXIII 10/B
SALA OPERATORIA per interventi in Day Hospital o Ricovero
  • Clinica Sedes Sapientiae (Torino)
    Via Giorgio Bidone 31